Comuni

Napoli, fila lunghissima al MANN. Grande successo per la mostra di Canova: ma in molti pensavano che l’ingresso fosse gratuito

Borrelli e Simioli: “Un’errore cancellare l’appuntamento delle domeniche gratis nei musei, la comunicazione è stata gestita molto male”

 

Napoli, 7 Aprile – “Fila lunghissima all’ingresso del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. La mostra di Canova ha fatto leva sulla voglia di cultura di napoletani e turisti. Una bella cartolina che testimonia l’ottimo lavoro del direttore Paolo Giulierini“. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

“Peccato che molte delle persone in fila pensavano che fosse ancora valida l’iniziativa dell’ingresso gratuito nei musei in concomitanza della prima domenica del mese. A nostro avviso è stato un grande errore togliere la possibilità a tanti cittadini di visitare gratis i luoghi della cultura una volta al mese. Tra l’altro la campagna informativa circa la rimodulazione delle giornate gratuite nei musei è stata gestita molto male. La maggior parte di cittadini non era a conoscenza delle modifiche. Purtroppo questa superficialità rappresenta ancora una volta un limite per la diffusione della cultura, un mezzo per sviluppare economicamente i territori, attraverso l’indotto generato dal turismo”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa