Comuni

Napoli, donna con il Coronavirus paga 380 euro un’ambulanza privata per essere trasportata dal Cotugno a via Piave

Napoli, 19 Marzo – Come riportato da Il Mattino, sembrerebbe che una donna abbia dovuta sborsare 380 euro ad un’azienda privata di trasporto sanitario per poter essere accompagnata dall’ospedale Cotugno a Via Piave, circa 5 km.

La donna aveva contratto il Coronavirus dopo essere rientrata dalla Lombardia, quando ancora non era stata emanato il decreto che vieta gli spostamenti. Dopo alcuni giorni, al peggiorare delle condizioni, è stata accompagnata all’ospedale Cotugno dove riceve una cura da seguire a casa e viene autorizzata a raggiungere la propria abitazione per la quarantena obbligatoria.

Per raggiungere il proprio domicilio, le viene detto di dover utilizzare mezzi propri ma dato che non può rivolgersi ai familiari, anch’essi positivi al Covid-19 e quindi in isolamento, alla fine decide di rivolgersi ad un’ambulanza privata che le chiede il pagamento in contanti di 380 euro.

“Ho avviato un’interrogazione perché voglio andare in fondo alla vicenda e verificare la veridicità della notizia e capire quali provvedimenti sono previsti per chi specula e fa sciacallaggio sulle emergenze sanitarie. E’ qualcosa di deplorevole.”- ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi e membro della Commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa