Comuni

Napoli, Con la moto sul marciapiedi e senza casco: così un venditore di profumi si pubblicizza

Borrelli e Simioli: “Uno spot che è un inno all’inciviltà, una vergogna che esporta una pessima immagine della città”

 

Napoli, 29 Maggio – “Non è uno spot ma è un vero e proprio inno all’inciviltà. In moto, senza casco, procedendo sul marciapiedi. Così un venditore di profumi napoletano ha pensato bene di pubblicizzarsi attraverso un video pubblicato sulla sua pagina facebook. Con fare smargiasso il protagonista del video sfreccia sul marciapiedi, frena di botto, poi dà nuovamente gas prima di iniziare spruzzarsi del profumo. Il tutto avviene mentre i pedoni camminano a pochi metri da lui. Ci risulta difficile anche trovare una definizione dinanzi ad atteggiamenti del genere”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Questo video – aggiungono – è un esempio calzante di come alcune persone si abbandonino ad atteggiamenti ingiustificabili senza sentirsi minimamente toccati dal fatto di trovarsi all’interno di una comunità fatta di regole. E, per giunta, non si fanno problemi a farsi riprendere per dare risalto alle loro gesta. Quel video, postato sui social, non è altro che una vergogna destinata ad esportare una pessima immagine della città”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa