Comuni

Napoli, Comunione negata a bambino autistico: la mamma minaccia di incatenarsi al Vaticano

loading...

Napoli, 7 Ottobre – Mary, mamma di un bimbo autistico al quale sarebbe stata negata la Prima Comunione, è pronta ad incatenarsi al Vaticano pur di avere giustizia. Come ha riferito la donna all’Ansa, pare che la Curia avrebbe difeso il sacerdote senza nemmeno inviare gli ispettori per analizzare la vicenda. Una mancanza di tatto e di rispetto, al di là di come siano andate realmente le cose. La donna ha riferito di un caso analogo accaduto sempre in quella chiesa, Santa Maria del Carmine a Poggioreale.

“Abbiamo sposato giorni fa la causa di Mary e abbiamo inviato una nota alla Curia, ma non ci fermeremo. Invieremo una nota ancora più dura esigendo che venga assolutamente fatta chiarezza sulla vicenda e vengano inviati gli ispettori per analizzare a fondo quanto successo. Se la denuncia di Mary corrispondesse a realtà saremmo davanti ad una vicenda terribile, ancora più grave perché consumatasi in una chiesa. Se il sacerdote ha discriminato un bimbo solo perché autistico deve essere destituito. Siamo pronti anche a portare avanti una petizione popolare a favore di Mary e di suo figlio”. Lo hanno detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde e Gianni Simioli, conduttore radiofonico.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.