Comuni

Napoli, auto in sosta vietata e messaggio intimidatorio per chi allerta la polizia municipale

loading...

Verdi: “Atteggiamento camorrista e ingiustificabile, espressione della Napoli peggiore. Abbiamo segnalato la targa alle autorità”

 

Napoli, 5 Aprile – “Ci è stata segnalata la presenza di un’automobile che abitualmente viene parcheggiata in sosta vietata lungo via Massimo Stanzione, in prossimità dell’incrocio con via Bernini. Il proprietario ha pensato bene di lasciare un messaggio intimidatorio sul cruscotto, rivolto a chiunque voglia allertare la polizia municipale. Ovviamente abbiamo segnalato la targa dei veicolo alle autorità competenti in modo che si possano adottare tutti i provvedimenti del caso nei confronti di questo incivile”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Quel messaggio è rappresentativo di un atteggiamento camorrista e ingiustificabile, espressione della Napoli peggiore. Commettere un’infrazione, con la coscienza di farlo, e minacciare chi allerta le autorità è un gesto al di fuori di ogni presupposto di civile convivenza.

Vantare conoscenze per intimidire il prossimo è assolutamente vergognoso. Siamo al di là della semplice maleducazione, un gesto del genere denota un vero e proprio atteggiamento delinquenziale che va perseguito in ogni sede”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.