Comuni

Napoli, Aggressione all’Ospedale del Mare: aggredite due infermiere e due medici

Borrelli: “Bisogna fermare la violenza. Chiediamo un segnale da parte della Questura e del Prefetto.”

 

Napoli, 16 Gennaio – Un’ ennesima aggressione ai danni del personale sanitario è accaduta nella mattinata del 16 gennaio.
Stavolta è il reparto psichiatrico dell’Ospedale del Mare che ha visto lo scaturirsi di un episodio di violenza nei confronti di due infermiere e due medici da parte dei parenti di una paziente come denunciato dalle stesse protagoniste.
Il padre ed il fratello di una degente del reparto di psichiatria al rifiuto del personale medico di cambiare la stanza alla giovane paziente, non era possibile, hanno aggredito le infermiere ed i medici con calci e pugni. Solo l’intervento dei Carabinieri è riuscito a mettere fine all’ira di padre e figlio.

“Servono al più presto i presidi di Polizia all’interno delle strutture ospedaliere prima che si arrivi alla tragedia. La violenza è in crescita e bisogna fermarla con azioni decise. Chiediamo un segnale deciso da parte del Prefetto e della Questura.”- sono state le parole del Consigliere Regionale dei Verdi e membro della Commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa