Politica

Milleproroghe, Confapi jr: “Bene Salva-Napoli, ora però piano di rilancio”

Il presidente Massimo Di Santis: «Default Comune sarebbe stato un disastro»

Napoli, 13 Febbraio  – «L’approvazione dell’emendamento salva-Napoli è una buona notizia per la città. È l’ora però di tenere da parte le polemiche e le strumentalizzazioni».

A dirlo è Massimo Di Santis, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli, commentando il voto favorevole delle commissioni Bilancio e Affari costituzionali alla misura che eviterà il default dell’Amministrazione comunale del capoluogo campano.

«Il fallimento del Comune di Napoli sarebbe stato un disastro sotto il profilo della vita amministrativa e anche sotto quello dell’immagine avendo Palazzo San Giacomo, già nel recente passato, sperimentato gli effetti nefasti del dissesto».

«L’approvazione dell’emendamento e il successivo iter parlamentare non devono però rappresentare un facile giustificazione rispetto alle criticità che pure esistono e sono visibili dal punto di vista dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione di governo della città – ha concluso Di Santis – a cui tutti, maggioranza e opposizione, sono chiamati a dare un contributo concreto, fecondo e soprattutto propositivo».


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa