Politica

Migranti, Di Maio: “La Francia Sfrutta l’Africa”. L’ambasciatrice d’Italia convocata a Parigi

Roma, 21 Gennaio – Bisogna “decolonizzare l’Africa” e anche l’Ue “deve occuparsi di questo tema”. Lo dice il vicepremier Luigi Di Maio, interpellato dopo che l’ambasciatrice italiana in Francia è stata convocata in seguito alle sue dichiarazioni. Di Maio e Di Battista vanno all’attacco della Francia che sfrutta l’Africa, ne frena la crescita e ha lasciato in vigore la “moneta coloniale”, ossia il franco CFA (Colonie francesi d’Africa) ancora in vigore in quattordici Paesi africani anche dopo l’indipendenza delle colonie. Per questo chiedono che l’Ue applichi “sanzioni” contro Parigi.

Il governo francese, irritato, convoca l’ambasciatrice d’Italia Teresa Castaldo al Ministero degli Esteri per “chiarimenti”. Fonti governative francesi fanno sapere che la convocazione è scattata perchè le frasi del vicepremier italiano sono considerate “inaccettabili e senza fondamento”. Le stesse fonti ricordano che “non è la prima volta che le autorità italiane fanno commenti inaccettabili e aggressivi”.

E una dura presa di posizione arriva anche da Bruxelles. Il commissario agli Affari economici della Ue, il francese Pierre Moscovici: “Alcune dichiarazioni vengono fatte per uso nazionale, somigliano a provocazioni, perché il contenuto è vuoto o irresponsabile, per cui è preferibile evitare di cedere alla provocazione”. 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa