Politica

Lavoro, Librandi e D’Alessandro (IV):”Contratti a progetto e flessibilità per superare la crisi”

loading...

Napoli, 18 Febbraio – “Nel 2020 sono stati persi 444 mila posti di lavoro, con un tasso di disoccupazione al 9,7%. Oltre al calo degli occupati, si registra un incremento degli inattivi. È una situazione difficile che con la fine del blocco dei licenziamenti potrebbe diventare drammatica. Occorrono misure forti e coraggiose, come l’introduzione della settimana corta di lavoro a parità di salario, con l’efficientamento della produttività delle aziende, per la quale ho già depositato una proposta di legge, e bisogna riflettere sulle forme contrattuali previste dall’attuale normativa” affermano Gianfranco Librandi e Camillo D’Alessandro, deputati di Italia Viva e membri della Commissione Lavoro della Camera.

“La Riforma Fornero aveva modificato la disciplina del lavoro a progetto per evitarne un utilizzo improprio. Tuttavia, in una situazione in cui i mutamenti del lavoro spingono sempre di più la prestazione lavorativa verso un “progetto di lavoro”, ritengo sia utile una reintroduzione di questa forma contrattuale fino a 24 mesi, recuperando le maggiori garanzie e tutele di cui disponevano rispetto ai contratti di collaborazione coordinata e continuativa, in particolare in materia di gravidanza, malattia e infortuni”.

“Un elemento fondamentale da aggiungere al nuovo contratto a progetto deve riguardare il diritto soggettivo alla formazione dei lavoratori, assolutamente indispensabile in una fase di grande accelerazione tecnologica e di profondi mutamenti. Questo contratto deve caratterizzarsi nella flessibilità ricca e di qualità in grado di intercettare una nuova offerta di lavoro che deve intrecciare una domanda sempre più qualificata di competenze, a cui bisogna corrispondere giuste tutele, retribuzione e normative. È al contempo il momento di fare bilanci sul Decreto Dignità – continuano Librandi e D’Alessandro –, anche perché la sua parziale revisione del marzo 2020 non è stata sufficiente a tutelare centinaia di migliaia di ragazze e ragazzi con contratto a termine, i quali nella pandemia hanno perso il posto di lavoro per via di una normativa ideologica e che non ha garantito le promesse di stabilizzazione verso il contratto a tempo indeterminato che aveva promesso.

Allo stesso tempo, la normativa contro le delocalizzazioni non ha impedito alcuna chiusura di stabilimenti in Italia da quando è entrata in vigore. Bisogna fare in modo che il PNRR contenga le misure e le riforme appropriate affinché il territorio italiano si caratterizzi in ecosistemi digitali in grado di consolidare le presenze produttive e attrarne di nuove” concludono i due deputati.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.