Magazine

“La scoperta dell’America”, il nuovo singolo de I Figli di Eva

Un rock con chitarre distorte e ritmi potenti sul tema dell’empatia e della mancanza di emozione che rende gli adulti aridi e disillusi
Napoli, 19 Giugno – Tornano i Figli di Eva con “La scoperta dell’America”, il loro secondo singolo, in uscita il 21 ma già da oggi disponibile in anteprima esclusiva su I Think Magazine.
La rockband tarantina formata da Marco Di Turo e Gianni Di Roma prosegue così il proprio inedito percorso artistico che vede la musica completarsi con le immagini del regista Giuseppe Calamunci Manitta il quale, come già visto con “Galera” (il singolo d’esordio), realizza dei veri e propri cortometraggi che accompagnano i brani del duo enfatizzandone i messaggi.
Cavalcando l’onda del rock con chitarre distorte e ritmi potenti, “La scoperta dell’America” riflette sul tema dell’empatia e della mancanza di emozione che spesso travolge gli adulti rendendoli aridi e disillusi.
Ricordando com’era guardare il mondo con gli occhi di un bambino si può invece imparare a osservare le cose in modo diverso, affrontando con più forza anche le avversità.
Il cortometraggio trasporta il senso del brano in una dimensione marcatamente thriller, in cui il bambino protagonista, cresciuto in un mondo violento e indifferente, cercherà con intraprendenza di salvare la sua mamma.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.