Magazine

Il sax di uno scugnizzo di provincia: Rocco Di Maiolo sbarca a Sanremo Rock

loading...

Napoli, 12 Marzo “Siamo fatti di sogni e speranze, senza i quali non credo si possa vivere bene”. L’ex scugnizzo della 219 di Brusciano, il talentuoso sassofonista Rocco di Maiolo, riavvolge il nastro del tempo e con l’emozione di uno sguardo vissuto, svela ai microfoni di sciscianonotizie.it – sittiusnews24, la sua storia di scugnizzo di provincia che con grandi sacrifici e lungo un percorso costellato da scetticismo e profondi pregiudizi, centra il traguardo da sempre sognato: fare della musica la propria vita.

“Tutto ha inizio – afferma – nei grandi spazi del complesso residenziale della 219, lì trascorrevo, insieme ad altri ragazzini, gran parte del mio tempo, correndo dietro ad un pallone. Ma in un pomeriggio come tanti altri, l’irresistibile folgorazione. Quel giorno, fui rapito dal suono di un clarinetto che proveniva dal primo piano di una palazzina, quel suono profondo, assoluto, estatico segnò definitivamente il mio destino: avvertii dentro di me la ferma convinzione che dovevo imparare a suonarlo!”.

Un percorso, quello del sassofonista Rocco Di Maiolo, da autentico predestinato. All’età di nove anni il primo debutto in Rai nel programma mattutino Patatrac con il brano Birichinata, e da allora un inarrestabile viaggio impregnato di sudore, musica, ma anche grandi soddisfazioni. Ore di ascolto di sassofonisti americani e gli studi classici presso il Conservatorio “Cimarosa”  di Avellino ma anche quelli Jazz al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli. “Il mio percorso musicale è sempre stato un continuo dividermi tra sogno e realtà, con una chiara convinzione interiore: raggiungere ogni volta nuove mete… Oggi posso dire di aver raccolto tante piccole e grandi soddisfazioni se considero i vari concorsi vinti e le tantissime collaborazioni con artisti del panorama musicale  italiano”.

E’ fuori dubbio che la vita non è una fotografia da guardare, ma una serie di pellicole tagliate, scartate, buttate lì a terra e da rimontare nel modo giusto, un libro con ancora molte pagine bianche da scrivere, possibilmente con penne colorate e una sinfonia da cantare.

Quella che certamente attende lo “scugnizzo di provincia” con l’ultimo sogno oramai alle porte, il Sanremo Rock di settembre. “Un traguardo inaspettato, nato quasi per gioco, – osserva Di Maiolo – ancora adesso non mi sembra vero: sono finalista al Sanremo Rock, “costola” del più famoso Festival della Canzone Italiana!”

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.