Comuni

Il belvedere di Coroglio trasformato nella terrazza degli orrori tra degrado, fuochi sparati abusivamente e muri spaccati

Verdi: “Condizione indegna per un luogo così suggestivo, occorre una profonda riqualificazione”

 

 

Napoli, 28 Luglio – “Nella giornata di domenica abbiamo effettuato un sopralluogo a Coroglio e abbiamo avuto modo di constatare le condizioni di assoluto degrado in cui versa il belvedere posto lungo la discesa, poco più giù di capo Posillipo. Muri spaccati, una recinsione alla meglio e sporcizia non rendono onore ad un luogo così suggestivo. Oramai sono anni che il belvedere versa in queste condizioni, affacciato su un marciapiedi che spesso viene trasformato in un parcheggio abusivo. Tra l’altro, come abbiamo avuto modo di verificare, l’area viene usata spesso per sparare i fuochi d’artificio abusivamente”.

Lo denunciano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere del Sole che Ride alla I Municipalità Gianni Caselli. “Riteniamo che occorra una profonda opera di riqualificazione per recuperare un luogo che, allo stato attuale, rappresenta una terrazza degli orrori. Il belvedere di Coroglio è un luogo che apre una veduta completa su Bagnoli e sui Campi Flegrei, a pochi metri da Posillipo e dalla Grotta di Seiano. Meriterebbe ben altro destino”.

 

 

 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa