Comuni

Crispano, rubate le bambole dalla tomba di Miriam: la bambina morta a 5 anni per un malore nel 2019

loading...

Crispano, 11 Dicembre – Vergogna a Crispano. Nel cimitero di Crispano-Cardito, come racconta Fanpage, dove è sepolta Miriam Laezza, la bambina morta a soli 5 anni nel 2019 a causa di un malore che la colpì mentre era a lezione di danza, sono state rubate delle bamboline che i genitori di Miriam avevano lasciato sulla tomba della loro figlia prematuramente scomparsa.

La scoperta è stata fatta dalla mamma di Miriam nella mattinata del 10 dicembre quando si è recata al cimitero per far visita alla tomba della bambina.

“Un gesto a dir poco vergognoso. Come si possono rubare da una tomba degli oggetti che non hanno nessun valore economico ma che per i genitori della bambina hanno un valore sentimentale inestimabile? Chi ha commesso questo furto dovrebbe guardarsi allo specchio e farsi un esame di coscienza, se gli è rimasto un briciolo di umanità allora ritorni sulla tomba della piccola e rimetta a posto ciò che ha portato via.  Vogliamo esprimere la nostra solidarietà e la nostra vicinanza ai genitori di Miriam che lottano per scoprire la verità sulla morte della loro bambina, ci auguriamo con tutto il cuore che presto questa verità possa arrivare.”– ha così dichiarato il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.