Attualita'

Coronavirus, l’ENAC dà l’ok all’uso dei droni per i controlli dei cittadini sul territorio comunale

Roma, 23 Marzo – L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha emanato, in data odierna, una nota al Ministero dell’Interno, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al Dipartimento della Protezione Civile, allo Stato Maggiore dell’Aeronautica, al Ministero della Giustizia, all’ENAV S.p.a., all’Associazione Nazionale dei Comuni italiani, ai Comandi delle Polizie Locali e, per conoscenza a tutte le Direzioni Aeroportuali ENAC, concernente l’utilizzo di Droni, a seguito dei provvedimenti governativi emergenziali in vigore fino alla data del 3 aprile 2020.

La missiva, a firma dell’Ing. Fabio Nicolai, precisa quanto segue: “Nell’ottica di garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica “coronavirus,” al fine di consentire le operazioni di monitoraggio degli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale, prevista dai D.P.C.M. 8 e 9 marzo 2020, si rende necessario procedere a derogare ad alcune previsioni delle disposizioni del Regolamento ENAC “Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto” Edizione 3 del 11 novembre 2019. Considerate, pertanto, le esigenze manifestate da numerosi Comandi di Polizie Locali, fino al 3 aprile 2020, si dispone quanto segue. Le operazioni condotte con sistemi aeromobili a pilotaggio remoto con mezzi aerei di massa operativa al decollo inferiore a 25 kg, nella disponibilità dei Comandi di Polizia Locale ed impiegati per le sopra indicate attività di monitoraggio, potranno essere condotte in deroga ai requisiti di registrazione e di identificazione di cui all’art. 8 del citato Regolamento.

 Per quanto riguarda le operazioni critiche di tali SAPR esse potranno essere effettuate in Visual Line of Sight in deroga all’art. 10 anche su aree urbane dove vi è scarsa popolazione esposta al rischio di impatto, non sarà altresì necessario il rilascio di autorizzazione da parte di questo Ente e non sarà richiesto la rispondenza delle operazioni agli scenari standard pubblicati. Inoltre, in deroga alle previsioni di cui all’art 27 del citato Regolamento ENAC e alle disposizioni contenute nella Circolare ENAC ATM 09, con la presente, dalla data del suo invio e fino al 3 aprile 2020, si autorizzano tutti gli Enti di Stato di cui all’art 744 del Codice della Navigazione e delle Polizie Locali dei Comuni italiani, ad operare con propri APR se impiegati nell’ambito delle condizioni emergenziali dovute all’epidemia COVID-19, nelle aree prospicienti di tutti gli aeroporti civili di cui al paragrafo 7 della Circolare ENAC ATM 09 e identificate come “aree rosse”, ad una quota massima di 15 metri…In ultimo, si chiede all’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani d’inoltrare con l’urgenza del caso, la presente disposizione, a tutti i Comuni che ne forniranno successiva informazione ai Comandi delle Polizie locali”.

 L’utilizzo dei Droni in via sperimentale già è stato avviato da diversi Comuni, come quello romano, dove il Sindaco Raggi ha, nell’ottica di garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica Covid-19, ottenuto dei risultati incoraggianti. Così si è espresso il Primo Cittadino romano su Facebook: “A Roma questa mattina i vigili hanno fatto oltre 7000 controlli, di cui più di 5000 su macchine in transito. Gli agenti hanno verificato anche negozi e parchi. Al parco della Caffarella, insieme alla Protezione Civile, hanno utilizzato i Droni ed effettuato quaranta denunce”.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected]

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa