Politica

Campania, seduta straordinaria del Consiglio Regionale: ritardo delle erogazioni delle borse di studio

Borrelli:” I tempi sono fondamentali, definiscono la credibilità di un ente. I furbetti che percepiscono le borse di studio in modo illegale, levandole a chi ne avrebbe diritto, devono essere perseguiti. Mai più soldi delle borse di studio spesi in modo diverso.”

 

Napoli, 10 Febbraio – Il 10 Febbraio si è tenuto presso il Consiglio Regionale della Campania una seduta straordinaria avente come oggetto il ritardo delle erogazioni delle borse di studio.

“Non possiamo negare di aver fatto dei passi avanti negli ultimi 5 anni – ha detto il Consigliere dei Verdi Francesco Emilio Borrelli – i problemi ci sono ma io ricordo che quando ero rappresentante degli studenti era inimmaginabile avere un abbonamento per poter usufruire gratuitamente del trasporto pubblico come avviene attualmente. Purtroppo le nuove norme spesso imposte a livello nazionale e la mancanza di personale hanno creato non pochi problemi. Gravissimo anche che spesso non siano stati dovutamente perseguiti i furbetti che hanno percepito illegalmente le borse di studio levandole casomai a chi ne aveva davvero bisogno.

Grazie a una norma che abbiamo fatto inserire nella nuova legge non sarà più possibile usare i fondi delle borse di studio che tra l’altro gli studenti pagano quando si iscrivono per altre attività come avveniva in passato. Ma sul tema dei tempi si gioca la credibilità di un ente. Se è vero che ci sono dal 2012 la borsa di studio è davvero un fallimento per tutti”.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected]

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa