Politica

Campania, Sanità. Nappi (Lega): “De Luca soffre di ‘annuncite’”

Napoli, 20 Maggio – “Oggi il presidente della Regione annuncia per l’ennesima volta che nel giro di due anni la sanità campana sarà la prima d’Italia. Diceva la stessa cosa anche all’inizio del suo primo mandato, e da allora non si è fermato più, con dei proclami che si sono rivelati solo propaganda per nascondere il proprio fallimento. Per non parlare delle balle sulle liste d’attesa, che nel 2019 promise di rendere più brevi. Ad aprile del 2023 disse che entro quell’anno le avrebbe addirittura svuotate.

Niente di più falso: i campani devono attendere mesi e mesi anche per una visita oncologica, aumentano i ‘viaggi della speranza’ verso altre regioni per farsi curare, sono oltre 20 i pronto soccorso chiusi da quando De Luca è governatore ed ‘assessore’ alla sanità. Tra le tante cure miracolose che De Luca ha detto che sarebbero state scoperte in Campania grazie a lui – a luglio del 2020, in piena campagna elettorale, si era dato tra i 3 e i 5 anni per la produzione di un vaccino contro il cancro! -, ci auguriamo che almeno trovi quella per la ‘annuncite’, malattia dai tratti megalomani, di cui lui, purtroppo, soffre in modo gravissimo e allo stato irreversibile”. Lo afferma Severino Nappi, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Campania.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.