Politica

Campania, Fase 2. A. Cesaro (FI):”La movida si regolamenta, non si vieta”

Napoli, 22 Maggio – “Non basta ascoltare le categorie, serve agire in fretta e risolvere i problemi: sulla mancata regolamentazione della movida la Regione ha preferito la scorciatoia del divieto”. Così il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro in merito agli orari imposti dalle ordinanze regionali alle attività della movida, tema di un’interrogazione a risposta immediata discussa oggi nell’ambito della seduta del question time del Consiglio regionale della Campania.

Per Cesaro “piuttosto che imporre il coprifuoco, che oltre a comprimere la libertà degli individui finirà per creare solo pesanti difficoltà a imprenditori già duramente provati, la Regione dovrebbe semmai allungare le fasce orarie d’attività per evitare pericolose concentrazioni orarie e quindi assembramenti”.

“I cittadini della Campania, che salvo rarissime eccezioni hanno dimostrato un grande senso di responsabilità nel rispettare le regole, il distanziamento sociale e nell’indossare i dispositivi di protezione, hanno bisogno di altro, non centro di una ventata proibizionista. In Campania non servono divieti ma piuttosto ospedali pronti, la riapertura immediata degli ambulatori e un monitoraggio vero e costante dell’andamento epidemiologico”, conclude Cesaro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa