Comuni

Campania, Covid-19. Ficco (Saues):”Camici operatori 118? Assolutamente inadeguati, Governo assegni subito le tute”

Napoli, 8 Aprile – Un appello alla Protezione Civile e al Presidente della Giunta della Regione Campania perché ripensino le disposizioni che assegnano, tra i dispositivi di protezione individuale ai medici del servizio di emergenza territoriale-118, i camici chirurgici monouso.

 A lanciarlo è Paolo Ficco, presidente nazionale del Saues, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria, per il quale “l’allarme dei medici del servizio 118 di Caserta sull’inadeguatezza dei camici chirurgici, di sicuro sufficienti a garantire il contenimento biologico nei reparti ma non a scongiurare il rischio del contagio da coronavirus durante le manovre con pazienti contagiati, è più che legittimo”.

“Questi camici – spiega il presidente del Saues – non sono assolutamente adatti ai medici che svolgono il servizio di emergenza territoriale perché, oltre a non avere il copricapo, possono imbrigliarsi facilmente nelle operazioni di manovra con pericolo non solo di contagio, ma anche di lesioni personali”.

“Il SAUES, all’unanimità dei propri iscritti rivolge dunque una vibrato appello a tutte le istituzioni sanitarie affinché a tutti i medici del Servizio 118 siano garantite le tute cosi come previste per agli operatori impegnati nelle terapie sub intensive, intensive e nelle rianimazioni”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa