Politica

Campania, Aborto. Castellone (M5S): “La legge 194 non va messa in discussione”

La senatrice: “Puntiamo su consultori, educazione nelle scuole e parto in anonimato”

Napoli, 27 Marzo – “La 194 è una delle conquiste della nostra storia democratica e non va minata né nella struttura normativa, né tantomeno nei principi che l’hanno ispirata. Qualunque proposta di legge che rischi di intaccarne le fondamenta, direttamente o indirettamente, è assolutamente fuori discussione. Sono d’accordo con il ministro Bonafede quando sostiene che mettere mano, in qualunque modo, alla legge sull’aborto rischia di sprofondare il nostro paese nel Medioevo. Il dibattito su un tema così complesso va spostato su altri livelli, a cominciare dall’istituzione di una vera e propria rete di consultori pubblici. Senza dimenticare il ruolo della scuola, con percorsi didattici di educazione alla sessualità”. Così la senatrice M5S e capogruppo in Commissione Sanità Maria Domenica Castellone.

“Serve dar vita a una campagna di comunicazione per rilanciare le misure già previste dal nostro ordinamento. A partire dalla legge sul parto in anonimato, che garantisce massima riservatezza alla donna che non può o non vuole riconoscere il neonato, così da lasciarlo nell’ospedale dove è nato affinché sia assicurata l’assistenza e anche la sua tutela giuridica”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa