Politica

Autonomia, Conte (LeU): “A rischio unità nazionale, attacco al Sud”

Roma, 9 Gennaio – “L’autonomia differenziata delle Regioni del Nord mette a rischio l’Unità d’Italia e rappresenta un vero attacco al Sud. Senza l’individuazione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni, nessuna funzione amministrativa può essere trasferita alle singole regioni senza creare diseguaglianze. Il Governo proceda prima alla definizione e realizzazione su tutto il territorio nazionale dei Lep e consenta a tutte le regioni, in particolare a quelle del Sud, di concorrere alla pari all’unità nazionale e allo sviluppo della loro autonomia”.
Lo dichiara Federico Conte, deputato di Liberi e Uguali, che oggi in Aula a Montecitorio ha presentato un Question time al Governo sul tema.
“Le risposte della Ministra Stefani non hanno convinto, anzi preoccupano non poco – continua Conte – Dare seguito all’autonomia differenziata così come è nei programmi del Governo, senza prevedere un piano straordinario per metter il Sud nelle stesse condizioni del Nord, significa violare il patto costituzionale sulla libertà e l’uguaglianza dei cittadini. Consentire alle regioni ricche di trattenere le loro entrate fiscali senza contribuire al fondo nazionale di perequazione, equivale a consentirgli di farsi Stato esse stesse, senza più legami col resto della Nazione”.

Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa