Cronaca

Assisi, il 10 Ottobre sarà beatificato il 15enne Carlo Acutis morto di leucemia fulminante

loading...

Assisi 4 Ottobre – Sabato 10 ottobre, sarà celebrata la “beatificazione” del giovane Carlo Acutis, deceduto a soli 15 anni. Una notizia attesa ad Assisi da quando il giovane morì per leucemia fulminante nel 2006.

In questo periodo, nella città Serafica, v’è fermento come non mai e nonostante la misticità che affiora tra le stradine, questo avvenimento sembra stia portando ancora più forza e ricchezza di emozioni nel cuore degli adoratori di Francesco d’Assisi. In questi giorni si lavora per mettere a punto ogni dettaglio della macchina organizzativa, perché l’evento sicuramente porterà molti pellegrini che attendono da diversi anni questo appuntamento.

Così si esprime il Vescoso di Assisi Domenico Sorrentino: “L’attesa è grande e festosa. Non è cosa di tutti i giorni che un 15enne salga agli onori degli altari, in segno di una vita veramente santa, cristiana, radicata nel Vangelo e condotta sulle orme del Santo di Assisi. Questo ragazzo – spiega ancora il Vescovo – era veramente geniale e tanti aspetti della sua vita rappresentano una provocazione per noi”. Anche la mamma Antonia ha parole di elogio per un figlio che ha dedicato interamente la sua fanciullezza a Dio: “Carlo ha combattuto, si è modificato, si è rafforzato nella fede. Aveva magari troppa chiacchiera, aveva un po’ la gola e s’è tolto quelli che erano i suoi difetti. Ha fatto uno sforzo, si metteva i voti da solo sul diario. Aveva questa priorità, mettere al centro della sua vita Gesù. Ha avuto questa sua grande fede, ma ha fatto i suoi sforzi. Dobbiamo farlo tutti, possiamo farlo affidandoci alla Chiesa, come Carlo”.

La storia di Carlo è breve ma di esempio a tanti giovani: nacque a Londra nel 1991 da Andrea e Antonia Salzano. La famiglia si trasferisce a Milano dove il piccolo Carlo frequenta la scuola elementare e media presso le suore “Marcelline” ed il Liceo Classico presso i “Gesuiti” dell’Istituto Leone XIII. Con un permesso speciale, a soli 7 anni, riceve la sua Prima Comunione ed inizia un percorso che lui stesso chiama “la mia autostrada per il Cielo”, attraverso l’Eucaristia e la devozione alla Madonna.

Era un amante della religione e dell’informatica, entrambe fondamentali per la sua crescita. Anche se in tenera età riesce a creare dei siti web per testimoniare agli altri la sua fede e organizza la “mostra sui miracoli eucaristici” nel mondo, con la collaborazione dell’Istituto San Clemente I Papa e Martire. La mostra è stata ospitata in tantissime parrocchie del mondo e nei principali santuari mariani come quello di Fatima, Guadalupe e Lourdes.

Muore nel 2006 a causa di una leucemia fulminante e viene sepolto ad Assisi. Dal cimitero viene traslato nel Santuario della Spogliazione: attraverso una speciale procedura di imbalsamazione viene esposto alla visita dei pellegrini. Oggi vi sono oltre 200 siti e blog che parlano di Carlo Acutis in diverse lingue e la sua biografia è compresa nel sito web del Sinodo dei Vescovi dedicato ai giovani, la fede e il discernimento vocazionale, nella sezione dedicata ai giovani testimoni.

Con il processo di beatificazione chiuso nel 2016, Papa Francesco lo dichiara venerabile nel 2018 e nel 2019 la consulta medica ha espresso parere positivo su un presunto miracolo attribuito alla sua intercessione: un bambino con malformazione al pancreas dopo aver fatto una preghiera a Carlo Acutis è guarito miracolosamente.

L’esposizione del corpo del venerabile Carlo ha portato tanti pellegrini da tutto il mondo e a tal riguardo il Vescovo di Assisi, in occasione dell’imminente celebrazione della beatificazione, ha rilasciato queste parole: “Il giorno della beatificazione porteremo nella Basilica Superiore di San Francesco una reliquia, ma il suo corpo resterà nel Santuario della Spogliazione fino al 17 ottobre. Nello stesso arco temporale, la diocesi ha organizzato un ricco calendario di appuntamenti sulla figura del nuovo Beato, scandito da preghiere, celebrazioni liturgiche e momenti di animazione culturale. Per la beatificazione – continua Monsignor Sorrentino – si attendono più di tremila persone e le domande di partecipazione sono continue perché c’è tanta gente in tutte le parti del mondo che conosce questa storia e ne è attratta”.

Sarà una manifestazione ben organizzata con maxi schermi installati in varie piazze, dal centro storico fino a Santa Maria degli Angeli, insomma un collegamento in diretta con la celebrazione che avverrà nella Basilica di San Francesco. Carlo, un esempio di purezza, di beltà, di amore verso il Signore e verso il prossimo.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.