Comuni

Palma Campania, “Concorso di idee” per Piazza De Martino: intervista al vincitore Gianluigi Infante

Palma Campania, 16 Luglio – Pochi giorni fa è stato designato il vincitore del “Concorso di idee” per la realizzazione della fontana di Piazza De Martino indetto lo scorso anno dal Comune di Palma Campania. L’artista stabiese Gianluigi Infante nasce a Napoli il 02/12/1991. Si laurea presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli, e si specializza alla “Facultad de Bellas Artes” di Salamanca (Spagna). Si definisce un artista figurativo che punta sulla pittura alla ricerca del realismo.

Dopo la Spagna e la sua mostra personale “El pais de los juguetes”, accresce il suo bagaglio di esperienza conoscendo da vicino l’arte americana e poi quella giapponese, dopo vari soggiorni oltre oceano. Numerose sono state anche le esposizioni in territorio campano ottenendo anche il premio della critica al “Premio D’Angiò”. Successivamente ci è stata la partecipazione alla Biennale di Napoli e l’esperienza di Direttore Artistico a “L’Arte dint’a legalità” e la personale al complesso di S. Maria la Nova di Napoli.

L’opera di cui si occuperà a Palma Campania è intitolata “L’artistica Sirena”, un progetto di rimodernamento per la fontana di Piazza De Martino, con conversione dell’attuale in una vera opera d’arte, con ausilio del mestiere pittoreo e scultoreo. Dall’interno della fontana si ergerà la coda di una Sirena che ivi trova rifugio. Una chiara evocazione a Partenope che prima della morte d’amore partorisce otto sirene. Questo nido di sirene verrà ospitato nella fontana, quindi otto code sgorgheranno dai bordi di essa con altrettanti realistici dipinti accompagnati da luci e suoni che rievochino il melodico e seducente canto delle sirene.

Gianluigi come nasce l’ispirazione a Partenope per la realizzazione della fontana?

“Siamo partenopei e sono partito da un riferimento storico importante che riguarda le origini del nostro territorio. La storicità ha sempre rappresentato un orgoglio per la nostra terra, così credo sia bello allargare la leggendaria figura di Partenope all’intero territorio, riprendendo la storia da un punto di vista diverso, nuovo e forse mai conosciuto”.

Quali materiali verranno usati per la sua realizzazione?

“Il corpo in questione è di natura ferrosa, ma utilizzerò una lega che sia più resistente agli agenti atmosferici perché situato in prossimità di una fonte acquosa. È un materiale molto moderno che spesso vediamo nelle opere d’arte contemporanee. Questo si addice molto al tipo di lavoro in questione però non nego l’inossidabile attrazione per quei materiali scultorei classici ed eterni come il marmo o il bronzo. Il resto poi va da sé. Vorrei applicare un supporto sonoro che renda ancor più originale l’opera che, in coerenza, col fruscio della fontana, dovrebbe rievocare il canto della sirena. Qualora ci fosse la possibilità nella piazza (spazio permettendo) mi piacerebbe applicare dei pannelli di ferro e terracotta (che rappresenta una materia della nostra terra) con la realizzazione di miei dipinti”.

Quando inizieranno i lavori?

È un bel lavoro che ci attende. Procediamo un passo per volta. Per ora siamo in piena pianificazione. Sto in stretto contatto con le fonderie per decidere il da farsi, ma le sensazioni sono molto positive”.

Quando verrà allestita l’opera?

“Aspettiamo le direttive del comune e ancora qualche dettaglio. Adesso è stato reso ufficiale il tutto, ma non vedo l’ora di poter alzare lo sguardo sulla piazza per ammirare questo monumento”.

È la prima opera che realizza per un comune?              

“Sì è la prima. Forse per la mia giovane età non mi sono mai fatto avanti, ma credo sia ora di raccogliere qualcosa dei tanti sacrifici fatti fin ora. Onestamente è stata un’occasione quasi insperata confrontarsi con vari esperti e professionisti ma, il desiderio e il mio sogno di realizzare qualcosa di importante, evidentemente, hanno fatto la differenza. Spero comunque possa essere un’idea destinata a crescere in modo sempre più significativo. È bello realizzare opere all’aperto visibili a tutti poiché l’arte costituisce un’importante forza turistica e quindi economica e spero si faccia tesoro di questo”.

Quali sono le sue emozioni a riguardo?       

“Come detto quasi non ci credevo. Sicuramente una bella soddisfazione ma non basta. Voglio che sia solo un punto di partenza. Spero sia una grande occasione per mettere in atto la mie competenze artistiche”.

Quale ruolo ha avuto Ferdinando Sorrentino in questo progetto?      

“Premetto che Nando ha una straordinaria tenacia. Siamo coetanei e abbiamo una stima reciproca che ci accomuna ormai da anni. In qualità di curatore punta molto sul mio talento e su quello di tanti altri giovani artisti. Sono sicuro che farà tantissimo per il mondo dell’arte e per una maggiore crescita culturale  del nostro territorio. Lui mi ha segnalato questo concorso e mi ha spinto a parteciparvi. Cosa dire? È stato lungimirante! Grazie al suo sostegno ed incoraggiamento ho intrapreso questa interessante iniziativa. Anche ora che inizia la parte pratica, con la sua esperienza organizzativa da curatore e da dottore in legge sarà al mio fianco in questo significativo percorso”.

Non ci resta, a questo punto, che attendere per poter ammirare questa bellissima fontana.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa