Comuni

Napoli, Ondata di caldo. Cavalli delle carrozzelle per i turisti lasciati per ore sotto il sole

Verdi: “Vera e propria violenza nei confronti degli equini, abbiamo inviato una nota alla polizia municipale chiedendo di far rispettare l’ordinanza sindacale”

 

 

Napoli, 26 Giugno – “Con l’ingresso dell’estate e l’ondata di caldo delle ultime ore iniziano a pervenirci le segnalazioni dei trattamenti vergognosi ai quali sono sottoposti i cavalli delle carrozzelle che trasportano i turisti a Napoli, lasciati per ore sotto il sole cocente. Tale modo di fare rappresenta una vera e propria violenza nei confronti degli equini che, esposti ai raggi solari per ore e ore, sono costretti ad affrontare una tortura”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e dall’attivista del Sole che Ride per i diritti degli animali Patrizia Cipullo. “La circolazione delle carrozzelle trainate da cavalli è regolamentata da un’ordinanza sindacale che vieta di far circolare gli animali in determinate ore e con determinate temperature. Purtroppo i conducenti non sempre rispettano queste regole e sottopongono gli animali ad ore e ore di esposizione al sole estremamente stressanti. Abbiamo inviato una nota alla polizia municipale chiedendo di intensificare i controlli e di far rispettare l’ordinanza emanata dal sindaco di Napoli”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa