Magazine

L’estate di Ferrandini si tinge di Horror-rock con la struggente canzone “Il buio”

Napoli, 13 Agosto – Ed ecco “Il buio”, quarto singolo per Maurizio Ferrandini, il cantautore sanremese che – nei mesi scorsi – ha fatto parlare molto di sé. Si tratta di una canzone scura e intensa che, tratta dal suo album e dal suo concept-progress animato “Io non c’entro col rock”, da una parte rivela un’anima guerriera incapace di adeguarsi ma al tempo stesso inarrestabile. Si presenta come canzone d’amore, ma in realtà racconta un passaggio di vita doloroso dove la ragione vince la guerra dei sensi, mentre i termini “tesoro e amore” assumono un significato ben diverso dal consueto.
Nel buio dei sentimenti rimane accesa una debole fiamma che non si spegnerà mai, alimentata dall’eterna passione dell’autore laddove indole ed estro consentono ai fragili il riscatto sugli indifferenti illuminando i pensieri più profondi.
Il clip (notevole…) è stato realizzato utilizzando la più antica delle tecniche di animazione scomponendo le immagini in fotogrammi per colorarli uno ad uno con certosina pazienza. L’effetto finale è un fumetto che prende vita dal bianco e nero al colore in un susseguirsi di immagini tra sogno e realtà.
Maurizio Ferrandini, cinquantenne sanremese, figlio della città dei fiori e della canzonetta da mainstreamer, è in realtà uno dei tanti fratellini scomodi e mai riconosciuti dal sistema, perché non si è mai uniformato, non si è mai lasciato plasmare dalle mode e da un settore discografico che, per sua natura e storia, tende a corrompere tutti i suoi protagonisti con i generi e le sotto-categorie del pop.
I dischi, Ferrandini, nonostante i corteggiamenti di label Indie e produttori alternativi, ha sempre preferito farseli e finanziarseli da soli, a costo di renderli talmente rari da essere quasi introvabili. Oltre ad una laurea conseguita nel ramo amministrativo, fin da giovanissimo Maurizio si appassiona di grafica, di montaggio video e di liuteria, ma nel frattempo la sua arte originaria non si disperde: Ferrandini diventa polistrumentista e realizza una dozzina di album in circa 10 anni.
Nel 2020, complice il lockdown dell’emergenza sanitaria, incontra “virtualmente” il vecchio amico Luca Bonaffini col quale realizza un format in cinque puntate per Globus Television dedicate alle “storie dietro alcuni vinili d’arte”: si tratta di Mash Up Kult che, andrà in onda durante il Natale successivo, ottenendo un grande successo. Nel 2021, per lo stesso Bonaffini, realizza il videoclip de “Il futuro ero” (singolo del cantautore mantovano) e sarà proprio in quel contesto che riceverà da Luca la proposta per la pubblicazione di un album.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.