Comuni

Cardito, Al via il processo per l’omicidio del piccolo Giuseppe ucciso dal patrigno. La sorella: “Le maestre sapevano”

loading...

Borrelli (Verdi): “L’atteggiamento disonorevole delle insegnanti, si vada fino in fondo. Auspichiamo che sia fatta giustizia per un bambino ucciso barbaramente”

 

Napoli, 30 Settembre – “Le affermazioni della sorellina di Giuseppe, rese note dall’avvocato Niola durante la prima seduta per l’omicidio del piccolo Giuseppe, riaffermano ancora una volta le responsabilità delle insegnanti in questa triste e disdicevole vicenda. La bambina ha riferito di aver spiegato l’inferno di violenze alle maestre ma di non essere stata capita. Il totale disinteresse delle insegnanti rispetto a quanto accadeva in quel contesto è assolutamente disonorevole. Sul caso sta indagando la Procura di Napoli Nord e speriamo che possano essere appurate tutte le responsabilità in relazione ad eventuali comportamenti omissivi o omertosi”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Per quanto riguarda il procedimento a carico del patrigno – prosegue Borrelli – accusato di aver ucciso il piccolo, auspichiamo che il processo possa fare realmente giustizia per un bambino ucciso barbaramente, con l’unica colpa di essere nato e cresciuto in un contesto completamente inadatto, tra un patrigno violento e delle insegnanti sorde al suo dramma”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.