Comuni

Camogli, dissesto Liguria

loading...

Santanastasio (Presidente Nazionale ArcheoClub D’Italia): “In Liguria il 6,1% dei beni culturali è minacciato dal rischio frana mente il 25% è a medio rischio idraulico!”.

Napoli, 23 Febbraio –“In Italia ben 11.712 Beni Culturali potenzialmente soggetti a fenomeni franosi sono nelle aree a pericolosità elevata e molto elevata; raggiungono complessivamente 37.847 unità se si considerano anche quelli ubicati in aree a minore pericolosità. I monumenti a rischio alluvioni sono 31.137 nello scenario a pericolosità media e raggiungono i 39.426 in quello a scarsa probabilità di accadimento o relativo a eventi estremi. Per la salvaguardia dei Beni Culturali, è importante valutare anche lo scenario meno probabile, tenuto conto che, in caso di evento, i danni prodotti al patrimonio culturale sarebbero inestimabili e irreversibili”. Lo ha affermato Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia.

“In Liguria il 6,1% dei beni culturali è  minacciato dal rischio frana mentre sono decisamente più numerosi quelli a medio rischio idraulico (3.712), il 25,3% del totale. Quanto è accaduto a Camogli, dove a franare non è stato un bene culturale ma comunque un cimitero – ha concluso Santanastasio – induce una riflessione importante sulla sicurezza del nostro territorio che può minacciare anche i siti di interesse culturale”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.