Cronaca

Acerra, “Villa dei Fiori”. Attimi di follia al Pronto soccorso: pappone e prostitute aggrediscono medici e infermieri

loading...

Acerra, 15 Marzo – Attimi concitati e di grande spavento al Pronto soccorso di “Villa dei Fiori” ad Acerra. La notte scorsa 4 prostitute e il loro pappone si presentano al Pronto soccorso della struttura sanitaria e aggrediscono fisicamente medici e infermieri. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, non sono ancora chiari i motivi dell’ingiustificabile atto violento da parte del gruppo.

Un vero e proprio raptus di follia che diventa incontenibile con il passare dei minuti: schiaffeggiano una dottoressa in servizio notturno e rompono il naso ad un infermiere. Prognosi di dieci giorni per il malcapitato infermiere e 4 giorni invece al medico.

Ma la furia delle prostitute e del pappone non si placa. Nonostante l’intervento del personale di Villa dei Fiori, precipitatosi in soccorso dei colleghi, in attesa dell’arrivo dei Carabinieri, aggrediscono con violenza un secondo infermiere provocandogli una contusione facciale a causa di un lancio di un corpo contundente.

Da tempo il personale medico e paramedico della struttura lamenta la mancanza di un servizio di sicurezza soprattutto nei turni notturni. Sono in corso indagini sull’accaduto.

 

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.