Comuni

Acerra, la polizia municipale multa le auto dei fedeli parcheggiate sui marciapiedi durante la messa. Il parroco accusa: “Sciacalli”

loading...

Borrelli e Simioli: “Grave che un prete appoggi l’illegalità, si scusi. Le auto bloccano anche i passaggi per i disabili, la Chiesa non deve essere dalla parte degli ultimi?”

 

Napoli, 26 Marzo – “Troviamo particolarmente gravi le affermazioni del parroco della chiesa di San Carlo Borromeo a Pezzalunga, ad Acerra, che in un post su Facebook ha dato degli ‘sciacalli’ agli agenti della polizia municipale dopo che questi, durante la messa, avevano multato le auto dei fedeli parcheggiate in sosta vietata”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli. “Il parroco farebbe bene a fare un passo indietro, scusandosi per quanto ha espresso. La fede non autorizza nessuno a parcheggiare fuori dalle aree riservate alla sosta. Tra l’altro la Chiesa dovrebbe sposare le cause degli ultimi. Spesso e volentieri le automobili in sosta vietata ostruiscono i varchi riservati ai disabili, impedendogli il passaggio.

E’ un modo di fare incivile e prepotenze che presuppone una profonda mancanza di rispetto nei confronti del prossimo. Giustificare il parcheggio selvaggio vuol dire legittimare una pratica odiosa, irrispettosa e illegale”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.