Politica

Scuola, Saiello:”Ostruzionismo del PD in Consiglio su procedure mobilità docenti”

Napoli, 7 ottobre 2016 – “I consiglieri del Pd non hanno voluto sottoscrivere un ordine del giorno presentato dal Movimento 5 Stelle durante il Consiglio regionale della Campania e relativo alle procedure di mobilità dei docenti campani messa in campo dal Ministero della Pubblica istruzione mediante l’utilizzo del noto algoritmo che ha prodotto numerosi e grossolani errori”.

Lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Gennaro Saiello che spiega: “Reiteratamente il Consiglio regionale ha evitato di discutere sugli insegnanti precari – riflette – la non sottoscrizione del nostro ordine del giorno si aggiunge alla mancata calendarizzazione di una nostra mozione depositata il 5 agosto che impegnava la Giunta De Luca ad attivarsi presso il Ministero per tutelare i nostri docenti precari”. “Voglio ricordare che in Campania i docenti interessati dalle procedure di mobilità sono circa 5000 – conclude Saiello – il comportamento irrispettoso del Pd regionale a non voler discutere in maniera tempestiva di questo argomento si allinea perfettamente con quelle che sono le linee dettate dalla regia nazionale che oltretutto hanno animato una serie di scellerate riforme, tra cui quella che paradossalmente è stata denominata ‘LA BUONA SCUOLA’”.

 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa