Comuni

Sciopero Eav, l’astensione di soli 61 addetti manda in tilt la circolazione della Circumvesuviana

Borrelli e Simioli: “Assurdo e inaccettabile che l’astensione di soli 61 lavoratori su quasi 2400 riesca a bloccare il servizio. Guarda caso questi scioperi si tengono sempre in prossimità dei picchi di afflusso turistico”

 

Napoli, 6 Settembre – “Troviamo assurdo e inaccettabile che l’astensione di soli 61 lavoratori su quasi 2400 riesca a mandare in tilt il servizio come è avvenuto questa mattina per la Circumvesuviana. Guarda caso questi scioperi si tengono sempre in prossimità dei picchi di afflusso turistico. A questo punto non escludiamo l’ipotesi che tali astensioni siano strumentali a creare disagi all’azienda e all’utenza”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Tale atteggiamento – proseguono Borrelli e Simioli – non tiene conto del momento storico vissuto dall’azienda che, a poco a poco, sta uscendo dalla crisi profonda che aveva caratterizzato gli anni precedenti. Il dato positivo è che la carenza di personale sarà risolta a breve attraverso l’assunzione delle 350 unità selezionate grazie al concorso Eav. Alle maestranze in servizio chiediamo maggiore responsabilità. Non è possibile lasciare a piedi utenza e turisti per beghe aziendali”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa