Politica

Sant’Antimo, V. Carbone (FI):”Gravi ombre su concorsi vigili, ma sindaco preferisce insulti”

Napoli, 6 Aprile – “Quel ‘certo Carbone’ cui si riferisce il sindaco di Sant’Antimo in un suo intervento su Facebook, un post col quale prova a dimostrare che è tutto normale se ad un concorso comunale per 6 posti di vigile urbano si candidano 1600 persone ma se ne presentano 98 e passano agli orali solo in 5, è lo stesso che in occasione del Consiglio Comunale dedicato all’Ordine Pubblico ha portato il saluto e la solidarietà del Senato della Repubblica.

Insultarlo, e indossando una fascia tricolore il sindaco dovrebbe saperlo, non costituisce solamente una testimonianza di scarsissimo senso delle istituzioni ma anche una grave offesa al Senato della Repubblica”. Lo afferma il senatore di Forza Italia Vincenzo Carbone, per il quale “chi si professa e si pavoneggia paladino della legalità e strenuo nemico del malaffare e della camorra dovrebbe quanto meno dimostrare di saper innanzitutto rispettare le istituzioni”.

“Quanto alla gestione del concorso, e mi riferisco a quella amministrativa, le ultime vicende, o dovrei chiamarle ‘manovre’, sono ben note e sospette. Ma su questo ci sarà certamente chi farà piena luce”, conclude Carbone.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa