Comuni

Sant’Antimo, nuova aggressione ad un equipaggio del 118: due persone denunciate

Verdi: “Ennesimo caso di violenza ai danni del personale in servizio sulle ambulanze, emergenza sicurezza per 118 e ospedali”

 

Napoli, 3 Settembre – “Oramai il bollettino del personale medico e sanitario aggredito negli ospedali o a bordo della ambulanze del 118 è quotidiano. Ogni giorno ci troviamo a fare i conti con violenze e sopraffazioni ai danni di chi profonde la propria professionalità nella cura degli ammalati. Un malcostume che, oramai, è abituale e consolidato. L’ultimo caso arriva da Sant’Antimo dove due soggetti sono stati denunciati per aver aggredito il medico di un’ambulanza del 118 che, giustamente, aveva opposto un rifiuto alla loro richiesta di salire a bordo del mezzo di soccorso impiegato nel trasporto di un loro parente”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “Purtroppo – aggiunge Borrelli – abbiamo a che fare con una vera e propria emergenza legata alle aggressioni del personale in servizio negli ospedali o a bordo delle ambulanze. Occorre invertire la tendenza. Riteniamo inaccettabile che la sicurezza dei lavoratori del comparto sanitario sia messa a repentaglio ogni giorno da incivili e violenti”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa