Politica

Sant’Anastasia, sindaco Raffaele Abete arrestato per corruzione. Verdi: “le accuse sono gravi e le dimissioni sono un atto dovuto”.

Napoli, 17 Dicembre – Grave accusa per il sindaco di Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, Raffaele Abete: corruzione per manomettere i concorsi pubblici. Assieme ad Abete sono altri cinque gli indagati. Il sindaco, con la complicità degli altri indagati, avrebbe alterato per via telematica i risultati di concorsi pubblici in cambio di tangenti che vanno dai 30 ai 50 mila euro.
“La notizia dell’arresto di Abete e delle accuse ci ha molto scossi. E’ il secondo sindaco in pochi anni che è stato colpito da una vicenda di corruzione. Il suo predecessore fui arrestato e condannato per aver preso delle tangenti. Abbiamo fiducia nella magistratura e ci auspichiamo che le indagini facciano il loro corso, che la verità venga a galla e che Abete possa dimostrare la propria estraneità ai fatti. Per noi l’unico tipo di politica possibile è fatta da azioni amministrative trasparenti e legali. Altri modi di fare politica non ci appartengono. E quindi visto che le accuse sono gravissime le dimissioni per quanto ci riguarda sono un atto dovuto.”– dichiarano il commissario cittadino di Sant’Anastasia Ines Barone e il consigliere regionale del Sole che Ride Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa