Politica

Sanità, Paolo Russo (FI): “Aggressione a medici e personale sanitario é emergenza nazionale”

loading...

Napoli, 22 Agosto – “L’aggressione a medici e personale sanitario è ormai una emergenza nazionale, ma a Napoli, ed in particolare al San Giovanni Bosco, è indice di una incapacità reiterata delle istituzioni di far fronte a gentaglia e criminali. Se ci fosse un Parlamento in funzione chiederei l’anticipazione della discussione sulla norma contro la violenza ai sanitari: a tal proposito vi è anche una mia proposta di legge”: così il deputato di Forza Italia e  presidente del Comitato Legislativo della Camera, Paolo Russo.

“Mentre si adeguano gli strumenti normativi il prefetto e lo Stato facciano però  sentire la forza della presenza, tutelando il lavoro, la professionalità e l’incolumità  di medici e personale sanitario, abbandonato – prosegue Russo –  al fronte delle emergenze di salute”.

“Nella valutazione delle performances di direttori di presidi ed aziendali si misurino  anche le attività per prevenire le aggressioni ed il clima di invivibilità all’interno delle strutture sanitarie. A questo proposito mi chiedo: che fine hanno fatto i piani aziendali per la prevenzione del rischio violenza ed aggressività a danno degli operatori sanitari?”, conclude Paolo Russo.

 

Carmen Fusco

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.