Politica

SANITÀ, Di Scala (FI): “Ritardi su procedure e digitalizzazione screening neonatali”

loading...

Napoli, 23 Maggio – “Tra ritardi e disorganizzazione anche sulle procedure e sull’informatizzazione degli screening neonatali la Campania è fanalino di coda in Italia”. Lo afferma la Presidente della Commissione Sburocratizzazione del Consiglio regionale della Campania, Maria Grazia Di Scala (FI) per la quale “un caso emblematico è quello relativo alla digitalizzazione dei dati degli screening neonatali audiologici, oftalmologici ed ematologici, assolutamente fondamentali in termini di prevenzione di patologie geneticamente rilevabili, sui quali ci vediamo costretti a fare il punto”, sottolinea l’esponente di Forza Italia annunciando per domani la convocazione in audizione della Commissione Sburocratizzazione per “capire lo stato dell’arte sulle procedure e sulla digitalizzazione di questi controlli di cui spesso si perdono le tracce depotenziando di fatto la possibilità, per il nostro sistema sanitario regionale, di fare prevenzione vera, garantire livelli di assistenza omogenea su tutto il territorio regionale, assicurare davvero il diritto alla salute ai cittadini sin dalla loro nascita e razionalizzare una spesa troppo spesso inappropriata e sprecona”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.