Politica

Rom, A. Cesaro (FI):”Cittadini penalizzati, da sinistra solo chiacchiere e disastri”

loading...
Napoli, 1 Settembre – “Un quartiere in ginocchio costretto a respirare veleni, decine di camion e centinaia di milioni in fumo, un ennesimo conflitto sociale. E a pagare, come sempre, sono i nostri concittadini. Tutto qui il bilancio delle politiche di integrazione dei rom di una sinistra capace soltanto di spostare un ghetto da un posto all’altro, ovviamente nelle periferie urbane più degradate, e trasformare un tema sociale in un problema di ordine pubblico o, peggio, in un business”. Lo afferma il Presidente del gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania, Armando Cesaro
 
“Adesso si corra immediatamente ai ripari, si bonifichi l’area di Scampia, si disinneschi in qualche modo questa polveriera ma, soprattutto, si tiri fuori la testa dalla sabbia e si cominci ad applicare compiutamente le indicazioni europee e le norme quadro nazionali in tema di inclusione delle etnie rom”. “Ricordo ancora – conclude il Capogruppo regionale campano di Forza Italia – che in Consiglio regionale abbiamo depositato da un anno una proposta di legge regionale che può costituire un primo momento di auspicabile confronto per trovare una soluzione civile e definitiva ad un problema che, come dimostrano i fatti di Scampia, non può più essere ignorato”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.