Politica

RAGAZZI IN AULA, Zinzi: “Stop al bullismo, scuole ed istituzioni stiano accanto ai giovani”

loading...

Napoli, 9 Maggio – “La proposta di legge presentata oggi in Aula dagli studenti di Carinaro dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, che il bullismo rappresenta una piaga da debellare con decisione. Momenti come questi consentono di favorire un collegamento tra ragazzi e istituzioni che risulta necessario quando si affrontano determinate tematiche”.

A dichiararlo è stato il consigliere regionale casertano, Gianpiero Zinzi, che ieri mattina ha presieduto una seduta di Consiglio regionale nell’ambito del progetto ‘Ragazzi in Aula’. A sedere tra i banchi dell’Assise è stata una rappresentanza di studenti delle classi terze dell’ ‘Istituto Comprensivo Carinaro’ che hanno illustrato, e poi approvato, la proposta di legge “Stop bullismo”. Ad accompagnare gli studenti sono stati i docenti: Carmela di Luise; Massimo Oliva; Giuseppina Zichella; Marianna Della Vecchia; Giovanni De Paola. Insieme a loro l’assessore comunale Alfonso Bracciano.

La PdL si compone di 4 articoli e prevede tra le altre cose: l’attivazione di uno sportello d’ascolto in ogni scuola e di un centro specializzato a livello comunale per aiutare i ragazzi che subiscono atti di bullismo; la promozione di periodiche campagne di prevenzione.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.