Comuni

Pomigliano d’Arco, uscita Istituto “Bersanti”. “Mio figlio trascinato da un’auto con due persone che volevano scippargli lo smartphone, ora ha il corpo pieno di escoriazioni”, il racconto di un papà a “La Radiazza”

Napoli, 13 Dicembre – “Mio figlio ha il corpo pieno di escoriazioni. La causa? Lo scippo del suo smartphone all’uscita di scuola, l’istituto “Barsanti”, a Pomigliano. Due persone in auto, un uomo e una donna, lo hanno avvicinato a bordo di una Panda grigia. Con la scusa di chiedergli delle informazioni hanno attratto la sua attenzione, prima di portargli via il telefono. Mio figlio ha tentato di opporsi ma è stato trascinato dall’auto, con il rischio di farsi male sul serio”. È il racconto di un papà che, ai microfoni de “La Radiazza” ha raccontato la disavventura vissuta da suo figlio a Pomigliano.

“L’emergenza delinquenza – affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli – oramai è totalmente fuori controllo. Una situazione di crisi che mette a rischio i cittadini, esponendoli all’aggressività di una criminalità sempre più senza scrupoli. Siamo arrivati al punto che gli scippi si fanno in auto, col rischio di trascinare una persona e ucciderla. Questo ragazzo è stato fortunato ma cosa sarebbe successo se avesse battuto la testa? Serve una risposta determinata e senza sconti dello Stato. Il ministro dell’Interno deve inviare quanto prima i rinforzi richiesti. La delinquenza continua a guadagnare terreno e serve una controffensiva per riaffermare la legalità sul territorio”.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected]

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa