Comuni

Nola, La Rassegna stampa di Luigi Fusco. Una storia lunga 17 anni: quella del Vescovo Beniamino  Depalma nella Chiesa nolana

loading...

Nola, 3 Settembre – L’iniziativa è promossa dal Centro Studi Alcide De Gasperi e dalla Pro Loco Nola Città d’Arte. Davvero notevole consenso per l’iniziativa; Diciassette anni di episcopato!  Nella storia della diocesi di Nola è da rilevare l’esperienza pastorale del Vescovo Beniamino  Depalma. Quasi una vita, un aspetto esistenziale raccontato in 539 articoli, raccolti, giorno dopo giorno, da testate nazionali e locali da Luigi Fusco, Maresciallo della Guardia di Finanza in congedo.

Articoli catalogati, fotocopiati e rilegati in due volumi; una testimonianza storica di vissuto quotidiano da archiviare quale testimonianza di ricerca e riflessione. In tal modo si potranno apprezzare articoli di cronaca, testimonianze di cultura, aspetti del sociale e dell’economia e altro; articoli che hanno posto l’aspetto soprattutto sulle questioni nevralgiche del territorio; valga come esempio le questioni ecologiche ambientali allora pressanti come nell’era attuale.

 Tanti aspetti che indicano la figura di un importante uomo della Chiesa, protagonista di diversi aspetti, Monsignor Beniamino Depalma. Luigi Fusco, l’autore, da anni si dedica a questo importante lavoro di ricerca; altre opere ne sono testimonianza come una raccolta Rassegna stampa dedicata proprio al Dumo di Nola risalente a più di dieci anni or sono; nel caso specifico, l’opera, Rassegna Stampa Speciale del Mosaico di Fatti ed Eventi di Fusco, è stata presentata proprio all’interno della Cattedrale, Duomo di Nola.  All’incontro, con pubblico distanziato per ragioni di prudenza in seguito all’emergenza covid -19, oltre all’autore, curatore dell’opera, Luigi Fusco erano presenti Monsignor Beniamino Depalma “personaggio” al quale è dedicata l’opera, l’attuale Vescovo di Nola, Monsignor Francesco Marino, il Sindaco di Nola Gaetano Minieri, Don Pasquale D’Onofrio, il prof. Pasquale Gerardo Santella e altre autorità.

Si è ripercorso, nei diversi interventi, idealmente, gli anni dell’episcopato di Depalma dal 1999, anno in cui avvenne insediamento dall’Arcidiocesi di Amalfi – Cava dei Tirreni, a Nola fino al 2016. Monsignor Beniamino Depalma, in quel periodo, per raggiunti limiti di età lasciava la guida pastorale di Nola: iniziava per lui il tempo del congedo e l’inizio dell’esperienza quale Vescovo Emerito. L’incontro è stato moderato da Giulia Nappi, giornalista e rappresentante della Proloco nolana. Si sono succeduti i vari interventi; tra altro vi è stato un omaggio che Luigi Simonetti, professore e amico di Beniamino Depalma, ha voluto dedicare alla serata; si tratta di alcuni versi declamati per l’occasione.

Dopo i saluti dell’autore dei due volumi ha concluso l’incontro Beniamino Depalma, in sintesi: dopo i ringraziamenti di rito Depalma ha espresso apprezzamento per l’opera che ha fatto incontrare idealmente, numerosi personaggi; da Giordano Bruno a Luigi Cortile che è stato un maresciallo della Guardia di Finanza decorato di Medaglia d’oro a merito civile. Le varie rassegna hanno fatto incontrare uomini eccezionali dal prof. Montano ad Aldo Masullo. Ha in seguito ringraziato, teoricamente, tutti i sindaci di Nola per la fattiva collaborazione nell’ambito delle proprie competenze, che si sono succeduti durante il suo servizio alla chiesa di Nola. Ha voluto precisare: “ una Rassegna diversa perché non parla di un personaggio; parla della Chiesa di Nola, della coscienza della Chiesa della sua vocazione: una coscienza che ha una lunga storia da San Paolino e da San Felice; dai grandi pastori del novecento.

Dove sta Dio? È emersa  questa domanda a un certo punto del discorso; per risposta è, dove è l’uomo, ove c’è sofferenza; tutto che è umano ci interessa. Si è parlato, nel suo discorso conclusivo, con riferimento alla politica, ai giovani, di giustizia sociale, dove c’è un disagio. “Dove c’è, una coscienza di fondo è umanizzare l’uomo”; “la Chiesa ha questo compito: umanizzare!” Nel suo discorso ha citato dei grandi personaggi come Giovanni Paolo II e Paolo VI. Sono sue parole: “La storia non s’improvvisa; è fatta di tanti tasselli”.

 

 

Antonio Romano

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.