Attualita'

Napoli, SICUREZZA. M.Pepe (FI): “Vicino a magazziniere farmacia, preoccupante inerzia IV Municipalità”

loading...

Napoli, 15 Giugno – “Siamo vicini al magazziniere della Farmacia Principe brutalmente aggredito ieri mattina nei pressi della Stazione Centrale, cuore di un quartiere cittadino letteralmente preso in ostaggio da ogni sorta di delinquenti. Prendiamo ovviamente le distanze da un’amministrazione comunale che si fa viva solo quando c’è da finire sui giornali e da una Municipalità assolutamente inerte, sorda alle nostre denunce come alle nostre proposte, disattenta ad una battaglia che l’intero gruppo municipale di Forza Italia porta caparbiamente avanti da sempre”.

Lo afferma il vice coordinatore della Grande Città di Napoli di Forza Italia, Massimo Pepe, per il quale “è evidente che un presidio di polizia municipale e una camionetta dell’Esercito poco o nulla possono fare per arginare la poderosa macchina del malaffare, micro e macro delinquenziale, nella cui morsa finiscono quotidianamente i residenti e quanti, cittadini o turisti, vi transitano”. “Su questo torniamo al solito discorso del potenziamento delle Forze dell’Ordine, dei necessari nuovi poteri in materia di ordine pubblico da affidare ai sindaci e del ritorno, davvero auspicabile, dei poliziotti di quartiere”, conclude l’esponente di Forza Italia.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.