Comuni

Napoli, si fingono operatori della “Napoli Servizi” per introdursi nelle case dei cittadini

Borrelli: “E’ una truffa, state attenti. Dobbiamo proteggere la gente per bene ed attaccare senza sosta i delinquenti che non si fermano neppure in periodo d’emergenza”.

 

Napoli, 7 Aprile – A Napoli è stata escogitata l’ennesima truffa: dei malintenzionati spacciandosi per operatori della “Napoli Servizi” si introducono negli appartamenti con la scusa di dover effettuare delle verifiche amministrative.

È stata la stessa società “Napoli Servizi” a lanciare l’allarme su segnalazione di diversi cittadini.
“Purtroppo siamo di fronte ad un fenomeno che diventa sempre più frequente, soprattutto durante questa emergenza sanitaria. È davvero vergognoso ed ignobile che degli individui si approfittino della disponibilità e del buon animo delle persone perbene, soprattutto degli anziani, per raggirarle e derubarle. Invitiamo la cittadinanza a fare attenzione e a non aprire la porta a chi si presenta come “Napoli Servizi” ma a segnalarli alle forze dell’ordine o al numero 081/198 11900. Le persone perbene vanno protette, dobbiamo, invece, attaccare senza sosta i delinquenti e spedirli per farli restare in galera.” -ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa