Attualita'

Napoli senza piano antisismico?

Lopa e Catapano: già il 2 settembre consegnammo al Palazzo di Governo una richiesta di sollecito agli enti preposti per il monitoraggio, verifica e controllo della staticità degli edifici scolastici e degli edifici adibiti ad abitazione della Campania, ai sensi della vigente normativa in materia di sicurezza e di edilizia scolastica e residenziale  attestante l’idoneità statica dei locali.

 

Napoli, 31 ott. – Questo pomeriggio , Rosario Lopa, Portavoce Prima Italia Napoli–Comitato Napoli Sociale per il NO referendum, e Alfredo Catapano,esponente di Azione Nazionale-Napoli Capitale, a margine della pubblicazione tramite organi di stampa della notizia che la città di Napoli non ha un piano antisismico,hanno ribadito, già il 2 settembre consegnammo al Palazzo di Governo Prefetto di Napoli, una richiesta di sollecito agli enti preposti per il monitoraggio, verifica e controllo della staticità degli edifici scolastici e degli edifici adibiti ad abitazione della Campania, ai sensi della vigente normativa in materia di sicurezza e di edilizia scolastica ed residenziale, attestante l’idoneità statica dei locali.

La forte scossa con epicentro nei pressi di Amatrice e Accumoli, in provincia di Rieti prima e la seconda più forte di ieri con epicentro comuni vicino Norcia, è stata avvertita nelle regioni limitrofe e anche in Campania e principalmente nel suo capoluogo, Napoli, generando stati di panico e apprensione nei cittadini, e che il prezzo pagato in Vite Umane, nel primo caso, è stato altissimo soprattutto di Bambini. La nostra regione, hanno sottolineato Lopa e Catapano, da sempre, è soggetta a ingenti deformazioni del suolo (bradisismi), accompagnate da variazioni della composizione dei gas fumarolici, oltre e da una moderata sismicità presente a fasi alterne ma intensa. Esistono norme e criteri, ma non un piano, per quanto riguarda l’ente comunale, la questione è la priorità di spesa decisa. Il privato, fa un altro ragionamento è che la gente preferisce spendere soldi per abbellire le proprie case, ma non per renderle più sicure,perché a parte le zone in cui si è avuto di recente un terremoto, tutti si dimenticano di essere in una zona a rischio sismico. Le altre priorità di spesa sono per altri capitoli e cosi viene a mancare la giusta sensibilità.

Non è obbligatorio fare interventi preventivi che debbano rispettare gli standard imposti dalle norme per la sicurezza valide per i nuovi edifici, fare quelli necessari per evitare crolli. Mah questo non è ancora stato compreso, e i cittadini non fanno gli interventi basilari perché ritengono che i costi siano molto maggiori di quanto in effetti possano essere, poi l’ente pubblico   non concede gli incentivi fiscali o economici sufficienti per salvarsi la vita. A fronte delle considerazioni fatte si necessita, hanno concluso gli intervenuti, di sollecitare le Amministrazioni Territoriali( Regione, Città Metropolitana, Capoluogo di Provincia, Comuni) e gli enti preposti di avviare i controlli di staticità dei plessi adibiti a scuole e residenziale e dotarsi da subito di un valido ed efficace piano antisismico.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa