Comuni

Napoli, SANITA’: Assemblea Federlab privati in agitazione. Rischio serrata dopo Pasqua

loading...
Napoli, 27 Marzo – Privati sul piede di guerra: proclamato lo stato di agitazione del comparto di specialistica ambulatoriale, tra i punti all’ordine del giorno dell’assemblea generale dei soci di FederLab Campania (la principale associazione di categoria dei laboratori di analisi cliniche e dei centri poliambulatoriali privati della regione), svoltasi ieri all’American Hotel di Agnano (Napoli). Non è escluso che, subito dopo Pasqua, si possa arrivare alla serrata con lo stop delle attività ed il conseguente blocco delle prestazioni. 
 
“C’è un politico che ha perso la faccia” tuona Vincenzo D’Anna, presidente di Federlab Campania e leader nazionale dei Biologi. “Da De Luca – prosegue – ci saremmo aspettata una maggior assunzione di responsabilità”. “Comprendiamo le difficoltà e l’enorme debito della sanità regionale che ha ereditato – aggiunge ancora l’ex senatore – tuttavia finora dal governatore abbiamo ottenuto solo promesse e nessuna seria programmazione del reale fabbisogno del comparto in termini di prestazioni, anche se i tempi dei pagamenti sono stati abbattuti e di questo diamo atto a De Luca che, su tale aspetto, è intervenuto normalizzandolo ma ciò solo perché ci siamo astenuti dal fare decreti ingiuntivi per le somme che non ci stanno riconoscendo. Nel momento in cui dovessimo cominciare, infatti, finirà pure la regolarità dei pagamenti”. 
 
A proposito delle promesse disattese: “una, in particolare – precisa D’Anna – riguarda i tetti di spesa. Se prima infatti il budget finiva tra ottobre e novembre adesso, dopo la decisione di programmare trimestralmente il volume regionale delle prestazioni, i cittadini campani si ritrovano costretti a pagare di tasca propria esami e analisi in media una volta ogni due mesi oppure, se non vogliono mettere mano al portafogli, devono inserirsi nelle liste d’attesa degli ambulatori pubblici con tempi a dir poco dilatati”. “In poche parole – si sfoga ancora il presidente di Federlab Campania – dobbiamo sorbirci uno ‘stop and go‘ una volta ogni due mesi. Tutto ciò è semplicemente assurdo. Non puoi pensare che se per i laboratori servono 120-130 milioni, ne metti 97. Poi puoi fare il tetto trimestrale, mensile, giornaliero, ma la coperta resta sempre corta”. 
 
Gennaro Lamberti, presidente nazionale di Federlab Italia, non è da meno: “De Luca, all’atto dell’insediamento, annunciò una vera e propria rivoluzione copernicana nel campo della sanità, ma finora, francamente, questa rivoluzione non si è vista e noi siamo rimasti fermi al…cielo delle stelle fisse”. D’altronde, rincara la dose Lamberti “tra blocchi anticipati delle prestazioni e mancata programmazione, alla fine chi paga è sempre e solo il cittadino”. 
 
“Siamo ancora in credito con il presidente De Luca per la convocazione dei tavoli di concertazione e confronto per addivenire ai protocolli d’intesa prodromici alla definizione dei tetti di spesa” spiega, dal canto suo, Pier Paolo Polizzi, presidente di Aspat ed ospite, ieri, dell’assemblea di Federlab Campania. 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.