Comuni

Napoli, pochi bagni pubblici e mal ridotti. La protesta degli anziani: “Con la zona arancione ed i bar che non possono accettarci, dove andiamo in bagno? E’ una vergogna”

loading...

Napoli, 23 Febbraio – A Napoli i bagni pubblici sono davvero pochi e quelli esistenti sono ridotti in pessime condizioni, come quelli di Piazza Cavour.

Con la Campania in zona arancione il problema diventa più serio, soprattutto per i più anziani, come scrive una cittadina al Consigliere Regionale di Europa verde: “Sig. Francesco Emilio Borrelli, è giusto che le persone come me, di una certa età e con delle problematiche non possano fare quattro passi per Napoli con la possibilità di andare al bagno? Con la zona arancione i bar non ci fanno entrare e quindi dove andiamo? Questa è una grave e grande disabilità perché ci costringe a non uscire…anche chi per motivi di salute avrebbe bisogno di camminare e stare all’aria aperta.”.

“Quella dei bagni pubblici in città è una problematica che denunciamo da anni eppure non si è mai fatto nulla, o davvero tropo poco, per migliorare la situazione. Ora con la Campania diventata zona arancione la questione si fa sentire in maniera più decisa. Che l’amministrazione cittadina ne prenda atto una volta per tutte e ponga rimedio in tempi brevi.”- hanno commentato  il Consigliere Borrelli ed il conduttore radiofonico de La Radiazza Gianni Simioli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.