Comuni

Napoli, nuovo sversamento nel porticciolo di Mergellina: l’acqua di mare diventa lattiginosa

Verdi: “Abbiamo inviato una segnalazione all’Arpac chiedendo di valutare l’eventuale tossicità del composto. Ennesimo episodio in pochi mesi”

 

Napoli, 5 Giugno – “Ci è stato segnalato un video di Agostino Burgarella che mostra come, replicando quanto già accaduto lo scorso gennaio, provenendo dal medesimo scarico, un composto di colore lattiginoso ha invaso il porticciolo turistico di via Caracciolo a Mergellina.  A differenza di quando accadde all’epoca, quando il mare diventò bianco, stavolta il composto ha conferito alle acque un colorito lattiginoso, riconoscibile ad occhio nudo. Purtroppo si tratta dell’ennesimo episodio in pochi mesi. Solo poche settimane fa denunciammo uno sversamento a Riva Fiorita che rese le acque verdastre”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Abbiamo inviato una segnalazione all’Arpac chiedendo di rilevare l’eventuale tossicità del composto che è stato sversato all’interno del porticciolo di Mergellina. Temiamo che questi fenomeni possano impattare negativamente sull’ecosistema. In occasione dell’episodio di gennaio, infatti, furono molti i pesci che perirono a causa dell’improvviso inquinamento dello specchio d’acqua”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa