Politica

Napoli, Mara Carfagna: “La Giunta de Magistris ha tradito la dimensione della trasparenza e della responsabilità in un modo che lascia senza parole”

loading...
Napoli, 20 Novembre – “La Giunta de Magistris ha tradito la dimensione della trasparenza e della responsabilità in un modo che lascia senza parole. Secondo la Corte dei Conti ha adottato una gestione maldestra e disinvolta: trucchi contabili,  elusioni e omissioni delle dichiarazioni e delle norme, aumento del disavanzo di 593 milioni nel 2015 e di 639 milioni nel 2016 fino a 2 miliardi e mezzo nel 2017, rimodulazione del disavanzo non ripianato, crescita dell’esposizione debitoria e una gestione fuori controllo dei debiti fuori bilancio: qualsiasi tipo di banalizzazione o strumentalizzazione della delibera della Corte dei Conti sul bilancio del Comune di Napoli da parte della Giunta de Magistris appare fuori luogo e in tutta la sua miseria. Nonostante l’impegno solenne a migliorare la situazione economico-finanziaria e contabile, questa amministrazione è riuscita solo a peggiorarla pur, tra mille difficoltà ereditate, potendo godere di condizioni di favore come l’adesione al fondo di rotazione, le anticipazioni di liquidità, la flessibilità concessa per ripianare il disavanzo tecnico in trent’anni proprio per non discriminare gli enti in predissesto.  
 
Non ci sorprende che la situazione appaia insostenibile, come più volte denunciato, ma leggendo la delibera della Corte dei Conti risulta anche peggiore: aumenta il disavanzo fino a sfiorare i 2 miliardi e mezzo di euro, l’esposizione debitoria è enorme, una gestione dei debiti fuori bilancio ormai senza controllo, a questo si aggiungono trucchi contabili, omissioni e addirittura violazioni ed elusioni della norma. Ovviamente aspettiamo le Sezioni Riunite ma quello che nel frattempo emerge è estremamente preoccupante. La cartografia degli enti in difficoltà in Italia ci restituisce un quadro difficilmente drammatico come quello di Napoli e ció nonostante sia aumentato il numero degli enti in dissesto e predissesto (200). Questa amministrazione certo non manca di creatività: ha provato a far ricorso al 714 bis della legge 208 che consente la sospensione delle azioni esecutive da parte dei creditori, consentito solo in presenza di altro disavanzo.
 
Ebbene su una quota di 80 milioni da recuperare nel 2015 sono stati recuperati 27 milioni e gli altri 53 milioni sono stati considerati nuovo disavanzo pur non essendolo in quanto quota non ripianata. L’inadeguatezza di questa amministrazione è palese ed è indipendente dalla normativa contabile: viene ampliata la capacità di spesa attraverso artifici contabili dimenticando di neutralizzare il fondo di rotazione riportato in entrata senza accantonare ad apposito fondo l’ammontare corrispondente all’anticipazione ottenuta attraverso il fondo di rotazione, e a questo non é corrisposto neppure un miglioramento dei servizi offerti ai cittadini; è stato omesso di iscrivere a bilancio il fondo rischi con una gestione delle passività potenziali fuori controllo che, insieme ai debiti fuori bilancio e alla mancata riscossione, hanno determinato i presupposti per il fallimento del piano di riequilibrio; il sottodimensionamento del fondo crediti di dubbia esigibilità per cui è inutile gridare al complotto: se il Comune non provvede ad incassare occorre iscrivere ad un apposito fondo le somme necessarie a compensare i potenziali mancati incassi e non sono pochi a Napoli: sono lasciati per strada ben 100 milioni di euro all’anno.
 
E il fondo crediti di dubbia esigibilità non è un complotto ma si impone agli enti inefficienti. Non contenta di tutto questo l’amministrazione de Magistris, sempre secondo la Corte dei Conti, ha anche adottato dei giochi contabili con la società di gestione dell’ acqua Abc che hanno indotto a sforare il patto di stabilitá coinvolgendo anche il consiglio comunale che con la delibera 80 del 2014 ha fornito al Comune il titolo falso per accertare somme che poi non avrebbe mai riscosso. Le norme si possono anche non condividere ma si lotta per cambiarle”. Così Mara Carfagna, deputata e consigliere comunale a Napoli di Forza Italia.

 

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.