Attualita'

Napoli, Gaetano Barbuto di nuovo in difficili condizioni ricoverato al Cardarelli: grave infezione in atto

loading...

Napoli,20 Novembre – Gaetano Barbuto, il 21enne che ha perduto le gambe in seguito ad un’aggressione con un’arma da fuoco lo scorso settembre, è di nuovo in difficili condizioni. Infatti il ragazzo è ricoverato presso l’ospedale Cardarelli a seguito di una grave infezione.

A raccontarlo sono i familiari del 21enne che si sono rivolti al Consigliere Regionale di Europa verde Francesco Emilio Borrelli, che sin dal principio segue la vicenda ed ha offerto sostegno e solidarietà: ” C’è un forte infezione in atto. Il chirurgo e l’infettivologo ci devono far sapere di più. Dobbiamo sperare e pregare. Mentre Gaetano rischia di morire ancora non abbiamo avuto giustizia per quello che gli hanno fatto.”

Durante la trasmissione radiofonica “La Radiazza” il Consigliere Borrelli ed il conduttore Gianni Simioli hanno lanciato un appello: “La magistratura e le forze dell’ordine devono far presto, vogliamo verità e giustizia, bisogna affrettarsi, Gaetano rischia la vita. Chi sa qualcosa di quella tragica notte, parli, si faccia avanti ed aiuti a far luce e a trovare i responsabili

Ora siamo tutti vicini alla sua famiglia e preghiamo per il ragazzo che proprio l’altro giorno ha festeggiato il suo primo compleanno in ospedale e senza più le gambe”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.