Politica

Napoli, Fuochi d’artificio in piazza del Plebiscito a notte fonda

Borrelli e Simioli: “Sfida degli incivili alle istituzioni, fuochi dinanzi a Prefettura e Soprintendenza. Maleducati e delinquenti si sentono padroni della città”

 

 

Napoli, 15 Maggio – “Ci è stato inoltrato un video in cui si nota l’esplosione di alcuni fuochi d’artificio nello slargo di piazza del Plebiscito, proprio dinanzi la Prefettura e gli uffici della Soprintendenza. E’ la sfida degli incivili alle istituzioni, un fatto di una gravità esponenziale”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli.

“Quel video è la rappresentazione più calzante di un dato che denunciamo da molto tempo: maleducazione e delinquenza sono fuori controllo in città. Esistono sacche della popolazione che sono totalmente avulse dalle regole della convivenza civile. C’è chi pensa che sia normale disturbare il riposo altrui con i fuochi d’artificio a tarda notte. C’è chi ritiene lecita la presenza dei parcheggiatori abusivi, la sosta selvaggia e gli sversamenti fuori orario dei rifiuti. Noi ribadiamo che siamo sul fronte diametralmente opposto. Lo sviluppo della città è legato a doppio filo al miglioramento della vivibilità che non può prescindere dalla civiltà dei cittadini”


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa