Comuni

Napoli, dirigente medico del Fatebenefratelli fa scavalcare le liste d’attesa in cambio di denaro: arrestato

loading...

Borrelli: “Manipolare il sistema sanitario in questo modo è grave e scandaloso. Servono condanne severe e licenziamenti.”

 

Napoli, 18 Maggio – E’ stato condannato agli arresti domiciliari il dottor Pietro Apuzzo per il reato di concussione. L’ordinanza, emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, è stata eseguita dalla Squadra Mobile di Napoli con gli agenti del Commissariato Posillipo.

Il Dottor Apuzzo avrebbe abusato dei propri poteri e della propria posizione di dirigente medico in servizio presso il reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Fatebenefratelli, facendosi promettere, e ricevendone una parte, una somma di denaro da una persona per poter essere operata in tempi brevi scavalcando la lista d’attesa.

“Bisognerà proseguire le indagini per chiarire la vicenda che se sarà confermata sarebbe un fatto gravissimo e scandaloso. Il colpevole dovrà, allora, subire una giusta e severa condanna, è inaccettabile manipolare il sistema sanitario in questo modo indegno, chi lo fa deve essere trattato alla stregua dei criminali ed essere licenziati, è arrivato il momento di essere duri e severi” – sono state le parole del Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, membro della commissione sanità.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.