Comuni

Napoli, De Magistris redistribuisce le deleghe in Città Metropolitana. Costa (PD): “Un’iniziativa insostenibile”

Napoli, 9 Aprile – “Apprendere dalla stampa della nuova organizzazione delle deleghe predisposta dal sindaco metropolitano de Magistris è un fatto che denota il carattere di un’iniziativa totalmente scollegata dalla buona politica” – commenta il segretario del pd metropolitano di Napoli Massimo Costa, proseguendo: “Il Partito Democratico denuncia a gran voce quanto verificatosi.
 
Una decisione simile avrebbe comportato la necessità di un dibattito con tutti i rappresentanti del partito – così come da me sempre sostenuto – al fine di condividere una posizione unitaria. 
Tutto questo non c’è stato ed anche alla luce di quella che è oggi l’azione amministrativa di De Magistris a Palazzo San Giacomo – soprattutto in materia di bilancio – siamo fermi nella nostra intenzione di rivedere la questione delle deleghe in Città Metropolitana.
 
Il partito democratico metropolitano di Napoli, nel ribadire l’esclusivo interesse per i programmi e la risoluzione dei problemi, continua la propria battaglia per dare peso e dignità istituzionale al nuovo Ente nonché sottrarlo ad ogni rischio di strumentalizzazione rispetto alle vicende del Comune di Napoli” – conclude Costa.


 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa